17.11.10

Rostagno ucciso due volte

Di Mauro Rostagno avevo già scritto... ma mancava qualcosa.
E' noto che il sociologo, giornalista (e tante altre qualità, tanto che sento quasi inutile etichettarlo) condannato a morte dai boss di Cosa Nostra, condivise il suo percorso anche con Francesco Cardella, che, si sa, è stato condannato per truffa e peculato, per aver rubato i finanziamenti pubblici alle comunità Saman. 
Quello che mi sconcerta, avendo lavorato in una di queste comunità, è che le cose non sono cambiate: nel vertice di Saman c'è ancora chi ruba. Nelle comunità di Saman gli operatori sono sotto organico e ricevono gli stipendi con ritardi regolari di tre mesi e, prima dell'ultima estate, si erano sentiti perfino proporre di non ricevere gli stipendi finché non fossero stati sanati i debiti che, certo, in parte risalgono alla gestione Cardella e ai tempi lentissimi della P.A., ma com'è possibile che comunità che ricevono CONTINUATIVAMENTE finanziamenti pubblici fatichino addirittura a fornire il vitto ai propri ospiti? Gli stessi ospiti vengono così impiegati nell'elemosina proprio dei viveri, in parte all'Ortomercato, recuperando ortofrutta invendibile perché marciscente, in parte al Banco alimentare e infine presso privati, a esempio un panettiere che generosamente dona pizze e focacce invendute, divenendo queste il principale menù di una delle comunità Saman. Mi riferisco in particolare alle sedi in Lombardia, di cui ho avuto esperienza diretta, ma le ruberie colpiscono tutto il circuito Saman. E questo è ingiusto, non ce la si può prendere solo con Cardella, certo colpevole e condannato a pagare soldi che non darà mai (non per nulla era amico di Craxi), quando Rostagno e il suo discorso contro l'illegalità mafiosa vengono disattesi a partire dalle stesse comunità che aveva fondato. Così, l'edificio di via Plinio, a Milano, inizialmente adibito a comunità di recupero, ora serve solo per ospitare feste ed eventi a pagamento, a marchi e società dai brand danarosi.
Le comunità Saman soffrono: senza operatori in numero adeguato non è possibile fare il benché minimo progetto di reinserimento sociale. Il turn-over degli operatori è feroce e la credibilità nell'ambiente, a partire dai Sert, è più che sputtanata. Eppure, l'attuale boss di Saman, Achille Saletti, può sfogare il suo ego malato su siti come Tiscali Social, e, last not least, su "Il Fatto Quotidiano", spacciandosi come guru di tematiche sociali e criminologo giustizialista. Saletti non perdona; ma è imperdonabile che faccia soffrire ospiti e operatori delle Comunità, coprendo chi, molto vicino a lui, è stato addestrato a rubare. Stranamente, Saletti eredita continuamente appartamenti...
A proposito di criminalità organizzata, nel suo ultimo discorso pubblico Borsellino aveva indicato nella parte onesta, di chi non ci sta, il vero antidoto alle mafie...le tante mafie, anche a sinistra, capaci di uccidere una seconda volta i martiri della legalità democratica. Come Mauro Rostagno.

42 commenti:

  1. Anonimo4.3.12

    Come si suol dire hai fatto la pipi fuori dal vaso. Mi aspetto che tu mi scriva provando anche una sola delle gravissime accuse che mi fai. Aspetto 30 giorni a partire da oggi. Poi faccio una denuncia per diffamazione. Nello specifico devi raccontare a me e ai tuoi lettori cosa ebrei rubato e come. E dal momento che parli di mafia ti ricordo che infangare le persone e' in perfetto stile mafioso. Achille Saletti.

    RispondiElimina
  2. Anonimo4.3.12

    oltre a rubare eredito appartamenti. è morta mia madre, insieme ai fratelli ho ereditato il suo appartamento. ma questo nel 2011. a cosa ti riferisci? fatti, non parole. e mettici la faccia che la vigliaccheria e l'anonimato non fa molto onore a che se ne fa scudo. achille saletti. p.s. ti aggiorno poi sula fatto che tutte le comunità hanno una carta di credito con il mensile per pagare alimenti e benzina. non è vai venuto meno in quasi 20 anni di lavoro.

    RispondiElimina
  3. Anonimo4.3.12

    domani in ufficio riuscirò a capire chi è questo giovanni pappalardo che ha lavorato due mesi ( due ) in sampan come operatore. e che in due mesi è riuscito a capire tutto il funzionamento di sampan tanto da potere sputare sentenze su persone che ci lavorano da 25 anni. achille saletti

    RispondiElimina
  4. Anonimo4.3.12

    caro giovanni pappalardo hai lavorato due mesi in sampan e probabilmente non ci siamo mai incontrati. malgrado questo conosci il mio ego e affermi che rubo. domani in ufficio avrò maggiori ragguagli su di te e formalizzerò una denuncia per calunnia e diffamazione. buona domenica.

    RispondiElimina
  5. Saletti, ho rimosso i commenti dagli altri post, erano OT, dovrebbe saperlo...
    Dunque è arrivato qui, probabilmente concitato, visti gli errori di "ebrei", "sampan" e il "flood" di commenti. Se si trova il mio nome, magari da Linkedin, tanto anonimo non sono, a differenza sua che appunto entra come anonimo qui: ma è lei Saletti o un millantatore?
    Mi pare che i toni minacciosi li tenga lei: il fango glielo restituisco, è quello che ho visto a Saman sulla memoria di Rostagno. Due mesi lavorai, ma la conosco da tempo. Né rivelo le fonti - certe - di quanto affermo.
    Faccia pure le denunce che vuole, magari così qualche riflettore finirà sulle comunità. In fondo lo spero. I lavoratori e gli ospiti di Saman temo non se la passino bene...

    RispondiElimina
  6. Anonimo5.3.12

    Vede Pappalardo, sicuramente accenderemo un faro su saman. Lei mi accusa di essere un ladro, io le dico che la denuncio e sono io, il minaccioso? ha un bizzarro modo di vivere le dinamiche. Certamente la denuncerò per il fango che getta alle persone senza conoscerle. E se ha certezza di quello che scrive il dovere da uomo giusto e probo ( quale evidentemente lei si ritiene di essere ) le imponevano di andare a denunciare il tutto. Lo farò io, con sommo piacere. Il mondo è pieno di persone come lei che pontificano senza nulla sapere e senza alcuna curiosità di sapere. Sui lavoratori e sugli ospiti non si preoccupi. Se sono sopravissuti a lei hanno una ottima tempra.

    RispondiElimina
  7. Per fortuna ha deposto il "caro". C'era chi usava la radio e la tv per denunciare le ingiustizie: ho ritenuto utile diffondere quanto sapevo con il blog - e sì che lei dovrebbe intendersene di questi benedetti media...
    Lei è una contraddizione unica: prima mi rinfaccia di aver lavorato solo due mesi e poi che a me si può solo sopravvivere. La realtà è ben diversa e quel che ho raccontato sul vitto era tremendamente vero, altro che fari e faretti. Comunque grazie, con i commenti e le numerose visite, oltre a mostrare una certa, sospetta inquietudine, contribuisce alla visibilità del blog e del post.

    RispondiElimina
  8. Anonimo5.3.12

    Il problema non è il vitto. Il problema è che io, o eprsone a me vicine rubano e che, in maniera sospetta, continuo a ereditare appartamenti. Il problema è insinuare che si consumino eati ( gravi 9 sulle spalle delle persone. Il problema è considerare tutto questo accostandolo alla mafia. Il problema sono le espressioni che usi, non provate e, lo vedremo, nemmeno provabili perchè inesistenti. Il problema è che io posso provare, perchè ci sono le contabili bamcarie, che ogni benedetto mese alle comunità vengono caricate 2.550 euro per il vitto e la benzina. Spero che tu possa provare che io ho intascato soldi di saman o che mi sia arricchito con saman. Via Plinio, tu che discetti di reinserimento lavorativo, è il luogo dove ci lavorano ex ospiti di saman e le feste con brand famosi finanziano saman e pagano alcuni stipendi. Il problema è che le tue fonti certe non devono essere così certe se rimani nel vago. Quello che tu fai non ha nulla a che vedere con la giustizia. Non denunci storture, denunci, vigliaccamente, persone senza spiegare nulla. Mi inquieta perchè, a differenza tua, ci tengo al mio onore. Tanto è vero che in una attività pubblica e continuativa non mi sono mai preso una denuncia per diffamazione. Se scrivo è perchè so di cosa scrivere. A differenza tua.

    RispondiElimina
  9. Ancora commenti da un anonimo. Sarà davvero Saletti? Probabile, visto l'accanimento, non avrà di meglio da fare. 80 euro al giorno! Tolta la benzina, quanto resta per mangiare? Via Plinio era una comunità, ora che cos'è? Gli ospiti che lavorano all'Energolab vengono usati o reinseriti? "Gruppo Recupero" non si riferisce al reperire derrate da buttare che vanno a far mangiare Belgioioso e Palmieri? Ho spiegato benissimo cosa avviene. Gli sproloqui sopra sanno molto di coda di paglia.

    RispondiElimina
  10. Anonimo5.3.12

    mi sembra che abbia difficoltà a spiegare molte cose, al contrario: innanzitutto non mi hai ancora detto cosa avrei rubato io o i miei collaboratori, che nelle priorità delle tante menzogne è, forse, l'elemento di maggiore interesse anche per i tuoi lettori. in seconda battuta devi spiegare la frase in cui racconti che io avrei iniziato ad ereditare case " stranamente". queste sonore le diffamazioni più gravi che evidentemente fai non poca fatica a provare dal momento che sono scomparse nelle tue risposte. e quindi veniamo alle altre terribili accuse:
    via Plinio ci lavorano attualmente tre ( 3 ) ex ospiti di saman. andare a vedere per credere. E' un lavoro come tanti altri. di via plinio si occupa, inoltre, una operatrice di saman che dal lavoro di affitto di location trae il suo stipendio ( unitamente alle persone di cui sopra ) . se vi sono utili vengono reinvestiti. Si fa sopratutto formazione ed è adibita, in questa veste, la sala al secondo piano e quella al terzo. al primo c'è una sala prova e registrazione per musicisti ragazzini in convenzione con la Provincia a prezzi calmierati. Aggiungo che se fossi il malfattore che tu descrivinon avrei come ufficio uno scantinato ma lo avrei in via Plinio.
    via plinio era comunità fino al 1995. dopo è stata sottoposta a sequestro sino al 2009. ragione per la quale non era possibile riaccreditarla quale comunità perché aveva chiuso gli iter di accreditamento. Come vedi le cose iniziano ad essere molto più complesse di quello che le tue fonti certe ti hanno raccontato. ma non è finita. recuperare da Cardella Plinio non è stata una passeggiata. ma, oggi, è un bene che tutela saman in merito alle esposizioni bancarie.
    passiamo al mensile. non so se siano pochi o tanti è in linea con lo sfamare la media di 12 persone in comunità. E di questo i responsabili non se ne sono mai lamentati. i recuperi al banco alimentare sono una prassi di tutte le strutture socio sanitarie. Sono eccedenze il più delle volte targate comunità europea di qualità e certamente non scadute.. sabbiamo controlli della asl ogni due per tre e secondo te terremmo derrate da buttare via? perché ci chiudano la comunità?
    ma rimane la polpa delle tue affermazioni: e, ripeto su questo sei diventato estremamente evasivo. chissà perché? tu chiami tutto questo sproloquio e sarà un terzo a decidere chi dice solenni cazzate tra te e me. Quali sono le case che ho ereditato? Dimmelo tu, avrei potuto ereditare a mia insaputa? e quanto mi sarei arricchito rubando a saman? anche su questo aspetto una nota precisa. hai pisciato, te l'ho detto, fuori dal vaso. E tralascio i tuoi giudizi su di me che non so da cosa nascano dal momento che non ci siamo mai visti. ma forse la tua esperienza di operatore è talmente vasta che riesci a fare diagnosi a distanza. siccome ho mille difetti ma non quello di rubare, il tuo scritto mi ha fatto molto incazzare. sono tante le cose che non sai di sana e che dovresti sapere, prima di sputare sentenze.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che Saletti (presumo sia lui l'anonimo) sia disturbato lo si evince pure da come scrive, da come inanella argomenti in modo sconclusionato, da come passa fragilmente dal lei al tu. Plinio non è accreditabile, perché Palmieri invece non cade a pezzi? Ah, ma lì sarà colpa dell'Aler... Stia pur certo che, come lo hanno riferito a me, gli ex-operatori e gli ex-ospiti che sanno del male suo e di Saman non smettono e non smetteranno di parlare. Io non ho paura.

      Elimina
  11. Anonimo6.3.12

    Va bene. Prendo atto che non sai rispondere. In settimana vado a denunciarti. Saluti. Achille saletti

    RispondiElimina
  12. Alleluja. Si riguardi, quaquaraquà.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Saletti ha ancora poco più di 2 mesi di tempo per, come promesso, denunciarmi per diffamazione; la prescrizione per tale reato è di 3 mesi, a partire dal momento in cui si viene a conoscenza e si ha certa identità del presunto diffamatore. Se, come immagino, non verrò denunciato, ciò vorrà dire una sola cosa: tutto ciò che ho scritto in questo post è, purtroppo, vero...

      Elimina
  13. Anonimo1.4.12

    Gia' fatto. Denunciato la scorsa settimana.

    RispondiElimina
  14. Anonimo8.8.12

    P.S Saman non mi ha pagato i contributi da educatore. Dopo, segnalazione all'inps è stata costretta a farlo. Che serietà!

    RispondiElimina
  15. Anonimo8.8.12

    NOTA BENE Mi chiamo Emanuele Francesconi

    RispondiElimina
  16. Anonimo8.8.12

    Consiglio a tutti coloro che navigano sul Blog la lettura del libro "Saman e le altre" Il simbolico di una comunità salvifica di Marcello Tarì edizioni Dedalo.
    Emanuele Francesconi

    RispondiElimina
  17. Anonimo8.8.12

    E poi Vogliamo parlare di quelle particolari meditazioni, le stesse che usava l'arancione Osho? Qualcuno vuole denunciarmi, si faccia sotto!
    Emanuele Francesconi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Emanuele, il tuo percorso, ritrovabile sul sito "psicologia oggi", dimostra che Saman sopravvive grazie all'opera di validi operatori che però poi vengono trattati male e quindi scappano. A Milano la sala meditazione ospitava il ping-pong. Quanto alle denunce nel mio caso non ne ho viste. Ti ringrazio per la tua testimonianza e per il libro suggerito.

      Elimina
  18. Anonimo12.8.12

    A proposito, video interessante sulle meditiazioni di Saman: http://www.youtube.com/watch?v=zOjmvYfUZoQ&feature=plcp
    Le Asl finanziano le meditazioni di Osho all'interno delle loro comunità terapetiche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so quanto sia rimasto di Osho, come di Mauro, in Saman. A me come metodo terapeutico comunque piace, Rostagno sapeva vedere bene...

      Elimina
  19. Anonimo10.1.16

    Anche 12 mesi di ritardo. Siete stati fortunati

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho capito il commento, ma lo lascio comunque, chissà...

      Elimina
  20. Anonimo10.1.16

    Per gli stipendi di saman. ....non sono solo 3 mesi mia sorella ci ha lavorato e i ritardi erano anche di 12 mesi...Nelle comunità del sud sono arrivati anche a 24. Nulla è cambiato..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per aver precisato il commento. Mi dispiace davvero, aspettare uno o due anni per uno stipendio è terribile.

      Elimina
  21. Anonimo10.3.16

    Saman Palmieri funziona sempre al solito modo: il ricambio periodico delle equipe che scappano in quanto non percepiscono gli stipendi. Conosco educatori che devono percepire tanti stipendi. È consuetudine andare il sabato mattina al recupero presso l'ortomercato di Milano, a recuperare quello che non è adatto alla vendita per via della cattiva qualità.
    Altro argomento interessante sono i "lavori protetti" che oltre a non essere pagati da tanto tempo vengono utilizzati per ristrutturare le varie abitazioni dei dirigenti di Saman.
    Questa è la realtà

    RispondiElimina
  22. Tutto ciò è doloroso, speravo che le cose cambiasssero. Grazie della testimonianza.

    RispondiElimina
  23. Anonimo12.3.16

    Grazie a te per la presenza

    RispondiElimina
  24. Anonimo14.3.16

    ma di cosa si parla? saman hanno debiti con tutti...non pagano bollette, maestranze, professionisti, la cartoleria, eppure prendono milioni dalle asl!!!! come è possibile? ci dev'essere una spiegazione io credo, forse hanno tante spese o investono in attività altre alle comunità

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so se rispondere sempre, ma voglio ringraziarti per il commento. Stavolta ho rischiato di piangere...

      Elimina
  25. Anonimo26.3.16

    Ma come è possibile che i soldi che lo stato da per le rette degli utenti non siano usate in toto per le comunità e il benessere degli assistiti e per pagare gli operatori? Ma non ci dovrebbe essere qualcuno che controlla?perché non viene fatto? A distanza di anni la storia che lei racconta é sempre uguale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che posso rispondere, se io per aver scritto questo post mi sono beccato una denuncia per diffamazione. Evidentemente il meccanismo, viziato, funziona...

      Elimina
  26. Anonimo5.4.17

    coraggio malgrado le denunce .....è sufficiente digitare su Google le due parole saman e stipendi .....e vede che non è l'unico....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, i commenti come questo sono una fonte preziosa di coraggio :D

      Elimina
  27. Anonimo7.5.17

    la vergogna continua.....chiudiono comunità aprono barc camuffati da latterie perché fa più socialpoveracci.....continuano a sfruttare il nome di rostagno piazzandolo ovunque, come se questa saman o le persone che la gestiscono avessero qualcosa a che fare con le idee di rostagno.....il nulla cosmico e chi ci rimette sono gli utenti che si affidano come il nome di rostagno fosse una garanzia da abusi e sfruttamenti così come gli enti che girano intorno a queste onlus e che dovrebbero contrallarli, al nome rostagno si fermano.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi scuso se non ho risposto prima. Ho scritto un post, http://scacchiatore.blogspot.it/2017/07/puniti-perche-chiedevano-lo-stipendio.html

      Elimina
  28. Anonimo5.8.17

    https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=10212288077988451&id=1573677470

    RispondiElimina
  29. Anonimo19.8.17

    sono uno dei tanti ex operatori di saman servizi dove ho lavorato per oltre 10 anni e me ne sono andato perché malgrado le tante promesse non si riusciva ad avere uno stipendio regolare , per caso sono andato sul sito di saman per vedere quali sedi ancora fossero aperte e ho letto la storia di saman scritta, evidentemente da chi aggiorna la pagina, viene dichiarato che l'associazione saman è stata fondata da Mauro Rostagno, non è esatto , è stata fondata da 3 persone, viene detto che all'interno delle strutture o comunità , l’intervento di Saman è stata parzialmente recuperato partendo dal pensiero originario di Rostagno. Io questo lo trovo veramente terribile, come usare un nome per fini ????, anche se sempre ammantati dalla parola sociale, così il bar viene chiamate latteria sociale, quella specie di discoteca che hanno in parco Lambro, presa proprio nel periodo in cui mi sono licenziato, luogo di inserimento....di chi?

    RispondiElimina
  30. Anonimo31.8.17

    1) tipologie reinserimento lavorativo saman quanti utenti ? 1?
    fondi pubblici
    http://www.csvfoggia.it/archivio-notizie/8048-apricena-inaugurato-parco-avventura-della-comunita-saman.html

    RispondiElimina
  31. Non sarà molto, ma vorrei scrivere soltanto: grazie. Per i commenti, per le voci, per chi dice quello che sente e vive sulla propria pelle.

    RispondiElimina