12.5.16

Q8 uneasy

Mi pareva troppo bello che ci fossero finalmente dei distributori automatici anche col mio tabacco preferito (credo pure sia il più venduto). La Q8 ne ha
installati almeno un paio a Milano, in viale De Gasperi e viale Marche. Proprio a quest'ultimo, stanotte mi sono visto asportare quasi 20 euro, con la macchina che faceva pure la mossa e avviso sul display di "sgancio prodotto". Ma il tabacco non c'era, la colonna era vuota. Stamane, ci son tornato, il personale quasi mi ha trattato come un ladro e insomma, ciaone venti euro.
Dirai: ma come, vai alla Q8? Alla faccia dell'Iraq? Parli di petrolio, tabacco, quisquilie? E sarei pure d'accordo, anzi mi scuso. Però l'episodietto mi permette di fare ammenda: la Q8 è emanazione del Kuwait, cioé Qatar, vale a dire sponsor di violenza, di guerra e guerriglia. Il Qatar che considera l'omosessualità una malattia (altro che Padre Livio). Meglio non fare benzina alla Q8 allora, checché sarebbe anche ora di finirla col Petrolio, e con tutto il sangue che si porta dietro...

Aggiornamento di novembre 2016 - Sono passati 6 mesi e pare che non sia cambiato nulla. Il distributore Q8 è quello di viale Marche 62, angolo via Murat. Spero che il latrocinio si limiti al tabacco (6 euro a pacco non sono male).

Nessun commento:

Posta un commento